lunedì 23 gennaio 2012

DETTAGLI SUL TRASFERIMENTO DI DENARO





Nel post di oggi vediamo alcuni dettagli sul trasferimento di denaro dall'Italia al Brasile, queste informazioni sul Brasile sono interessanti sia per chi fa' business e anche per chi progetta di andare a vivere in Brasile.
Le modalita' per eseguire un bonifico da un conto corrente italiano a conto corrente brasiliano variano molto in funzione del vostro status, intendo dire che se avete il domicilio fiscale quindi la permanenza e l'RNE in Brasile dovete prestare la massima attenzione affinche' la transazione venga eseguita secondo legislazione, in modo tale che il fisco brasiliano ( Receita Federal) non vada ad erodere buona parte del vostro patrimonio, per fare questo e' necessario documentare il trasferimento in modo tale che la transazione possa essere poi dichiarata sui redditti attraverso quella che i brasiliani chiamano IRimposta de renda che non e' altro che la nostra dichiarazione dei redditti. Tra il Brasile e l'Italia esistono degli accordi bilaterali, in alcuni di essi si stabilisce che non venga applicata la doppia tassazione dei redditti secondo quando stabilito dall'art.6 della convenzione del 29/11/1980, per questo motivo e' doveroso attenersi ad alcuni accorgimenti che vado ad elencarvi di seguito. Nel caso invece siate residenti in Italia e' consigliabile inanzitutto frammentare il valore del trasferimento di denaro, anche in questo secondo caso vi spieghero' come procedere.

Nel primo caso per tutti coloro che sono residenti in Brasile e' necessario eseguire bonifici da due conti personali, intendo dire che i due conti dovranno essere intestati a colui che esegue il bonifico, con questa modalita' la transazione dovra' essere accompagnata dalla dicitura"Trasferencia de patrimonio", una volta che il bonifico sara' arrivato nel vostro conto della banca in Brasile, sara' sufficiente conservare l'estratto conto in cui viene riportata l'operazione di accredito e farla archiviare dal vostro commercialista che in Brasile si chiama "contador", l'anno successivo andrete a dichiarare questo valore come prevede la legge, senza pagare ulteriori tasse. Muovendosi in questo modo l'unica imposta che dovremo pagare e' l'IOF piu' le solite commissioni sul trasferimento e il cambio valuta. Vi ricordo che se pagate l'imposta de renda in Brasile e' consigliabile informarsi ogni anno sulle modalita' e sui soggetti esenti e molti altri dettagli. Annualmente l'IR viene presentata generalmente entro il mese di marzo, per ulteriori informazioni leggete Imposta de Renda 2012 .

Per i soggetti che invece non sono residenti in Brasile e magari possiedono solo il cpf la procedura cambia; in questo caso si parla di trasferimento di denaro da un conto corrente italiano ad un altro conto corrente brasiliano di un altro soggetto beneficiario. Il fatto di non essere residenti in Brasile ci vincola dal punto di vista fiscale pertanto tutto cio' che parte dall'Italia deve essere giustificato al fisco dichiarando la transazione nel quadro rw del modello unico per i professionisti. Un altro punto su cui si deve prestare attenzione e' la norma antiriciclaggio che impone segnalazioni  per valori da € 10.000 come prevede il d.l. 167/1990 .
Sostanzialmente per quest'ultima tipologia di trasferimento di denaro consiglio di operare in funzione del valore da trasmettere:


Banco itau', banca operante in Brasile

-Per importi fino a € 2.000 ci si puo' avvalere di "Remesa Facil" di Banco do Brasil , si tratta di una trasferenza di denaro simile ad altre gia' conosciute come Wester Union  ma a mio parere piu' conveniente, si' puo' effetuare il trasferimento anche dalle banche convenzionate di Antonveneta o San Paolo, otterrete tempi rapidi e sicurezza al costo di € 10,00 per valori da € 300 a € 2.000 per info consultate le disposizioni sul sito di B.B. Italia.
-Per importi da € 2.000 ad € 10.000 consiglio di effetuare un bonifico internazionale con il sistema swift , la causale del bonifico dovra' essere compilata con la voce "Manutençao" questo serve sempre per documentare il tipo di transazione evitando che il vostro denaro venga ulteriormente sottoposto a controlli da parte delle autorita' competenti brasiliane.
-Per importi superiori a € 10.000 non essendo residenti in Brasile e' necessario prestare ulteriore  attenzione in quanto verrano eseguiti dei controlli previsti dalle norme antiriciclaggio, inoltre il destinatario del bonifico, dovra' compilare una dichiarazione che attesti di essere a conoscenza della provenienza del denaro, queste transazioni devono essere documentate in modo da poter regolarizzare l'entrata di valuta, cosa che puo' essere fatta con l'assistenza di un professionista, tuttavia l'entrata di capitale in Brasile e' da sempre un'attivita' esistente e in incremento specialmente quella dettata da investimenti immobiliari.

Per tutte le tipologie di trasferimento di denaro elencate sono previste delle commissioni bancarie e di cambio valuta da Euro/real , quindi e' necessario che prendiate accordi con l'istituto di credito che svolgera' l'operazione

Con queste indicazioni generali ho voluto distinguere le modalita' di trasferimento di denaro attraverso bonifici, per essere piu' specifici su ogni tipologia di operazione e' possibile alla fine del post aprire un dibattito attraverso i vostri commenti che sicuramente riusciranno a rendere l'articolo piu' completo e ricco di dettagli, le informazioni sul Brasile relative a questo argomento raccolgono sempre un grande interesse sia per chi ha intenzione di vivere in Brasile e per chi e' interessato a conoscere le leggi del Brasile.

RADIOBRASILE e' presente sul portale di Veneto Imprese

RADIOBRASILE e' presente sul portale di Veneto Imprese
www.venetoimprese.it

RADIOBRASILE raccomanda CAPITALBRAZIL-Import-Export rappresentanza in Brasile

RADIOBRASILE raccomanda CAPITALBRAZIL-Import-Export rappresentanza in Brasile
Riservato aziende

INVIA GLI ARTICOLI IN QUALSIASI CASELLA EMAIL(anche la tua o dei tuoi amici)