giovedì 12 agosto 2010

LAVORARE CON I TAXI IN BRASILE




Cari amici, abbiamo parlato tante volte  dei taxi in Brasile e delle opportunita' di business che potrebbe offrire questo tipo di attivita', molti di voi mi continuano a chiedere se andare in Brasile e comprare una licenza di taxi, potrebbe essere un buon affare per iniziare una nuova vita lontano dal vostro paese, non so' se riusciro' a soddisfare le vostre domande, ma parlando con un alcune  persone e analizzando un po' di dati in mio possesso sono stato in grado di fare delle valutazioni che cerchero' di trasmettere a voi in modo che possiate avere le idee chiare sul da farsi. Nel dicembre del 2005 durante un viaggio a Recife ebbi modo di conoscere personalmente il tassista che stazionava nella zona di lavoro situata di fronte all'albergo dove soggiornavo, in prossimita' di Boa Viagem. Aron il tassista, non era brasiliano , i suoi biondi capelli e quel portoghese meccanico mi incurosirono a tal punto da fargli delle domande, si notava al volo la sua origine nordica, facemmo velocemente amicizia, era cordiale, nei giorni successivi mi capito' di fare con lui delle altre corse ,Aron proveniva dall'Olanda e dopo aver conseguito la cittadinanza decise di comprare una cosidetta placa(licenza per la commercializzazione del servizio taxi) per taxi, poi una seconda ed un'altra ancora, in tutto 3, investendo circa 30/35.000 R$ per ognuna di esse.  Aveva deciso di affittare 2 placa di taxi ad altre persone, ricavandone gli utili dell'affitto, e di usare la terza placa per un  taxi proprio scegliendo di fare delle corse speciali a medio lungo raggio, riservate a turisti che volevano avere un taxi personale per tutto il periodo del loro soggiorno;  dopo un po' di anni avrebbe potuto decidere se continuare a correre con il taxi o affittare anche la terza placa, o in qualche modo diversificare l'investimento iniziale che tra licenze e un automobile modello Santana bianco, gli era costato circa 150 mila reais. Non fu' l'unico straniero che conobbi, che si lancio' nei taxi, ricordo anche di un portoghese a Fortaleza,  socio di una cooperativa la quale lavorava sulla zona dell'aereoporto "Pinto Martins". Ribadito il concetto che anche gli stranieri possono fare i tassisti in Brasile ( clicca per vedere la legge) , voglio sottolineare che per cominciare e' obbligatorio  avere il CONDUTAX, un abilitazione necessaria per poter condurre i taxi, inoltre il veicolo che sara' adibito a circolare, dovra' avere un permesso chiamato " ALVARA DE ESTACIONAMENTO" che sara' emessa dal comune,( dalla prefetura) della citta' in cui si intende lavorare. Ma andiamo per gradi, e vediamo quali sono i passi per ottenere il CONDUTAX ; dovete inanzitutto recarvi al DPT ( departemento de transportes publicos), questo solo dopo aver effetuato un corso;  che vi abilita alla professione, della durata di 32 ore, nel quale vi verranno insegnate nozioni di pronto soccorso e altre materie inerenti l' l'attivita', queste lezioni saranno tenute negli stessi locali del DPT, al termine di questo mini corso verra' rilasciato un attestato di partecipazione, che sara' da presentare unitamente a questa documentazione in  originale o copia autenticata:
1-RG documento d'identita'
2-cpf
3-cnh patente di guida
4-comprovante de residencia
5-certidoes de distribuçao execuçoes criminais (certificato penale, tipo casellario penale)


dopo aver consegnato questi documenti dovrete pagare una tassa di 63,55 reais, terminate queste procedure otterrete il  il Condutax la cui validita' e' di cinque anni o dela durata della  patente, se in scadenza prima di questo termine.
Una volta in possesso del Condutax dobbiamo considerare 3 elementi fondamentali necessari per l'avvio dell'attivita':  LA LICENZA - IL PUNTO DI LAVORO - L'AUTOVEICOLO AD USO TAXI
Dovete sapere che in ogni citta' spetta al comune( prefetura) stabilire quanti permessi ( alvara de estacionamento) di cui parlavamo prima, possono essere messi a disposizione dei richiedenti, questo viene deciso in base alla grandezza della citta',al flusso turistico, al numero gia' esistenti di permessi , insomma tenedo conto di alcuni criteri, in maniera tale da non alterare quello che puo' essere il sistema del trasporto relativo ai taxi, pensate che ci sono delle citta' dove per un periodo, viene bloccata l'emissione di questi permessi( come San Paolo) , in questo caso sara' necessario trovare qualche altra placa in vendita da altri tassisiti, scatenando cosi' una sorte di asta, che molte volte tende ad essere di carattere speculativo nei confronti di quei soggetti che essendo abilitati hanno l'esigenza di cominciare a lavorare, in fondo i buoni affari si fanno in 2, non credete! In ogni caso la legge stabilisce che con una placa (licenza) possano lavorare anche due tassisti, ad esempio uno la notte e l'altro di giorno. Le citta' con maggiori richieste per ottenere licenze sono Rio de Janeiro e San Paolo.
Oltre l'acquisto della placa, si dovra' acquisire un punto chiamato "Ponto de taxi" dove stazionare per attendere i clienti, e' come se iniziassimo l'attivita' con un portafoglio clienti, senza un punto de taxi, si dovrebbe spendere tempo, denaro, carburante per formare un giro di clienti di una determinata zona, che potrebbe essere in un aereoporto, una zona turistica piuttosto che una zona movimentata e conosciuta della citta', anche qui il mercato del compra/vendita e' sempre in fermento con dei prezzi che molto spesso rasentano l'assurdo, a San Paolo la vendita di una placa+ponto de taxi parte da 120.000 R$ in su, a Belo Horizonte placa+ponto de taxi e macchina 135.000 R$ , a Maceio' solo la placa puo' costare 20-25 mila R$ i prezzi variano a zona a zona in funzione anche delle richieste del mercato.
L' ultimo fattore, ma non meno importante e' l'autoveicolo che predisporremo per avviare il lavoro, e qui i prezzi dipendono dal modello e dall'eta' della macchina.
Quest'anno, il governo Brasiliano ha previsto di stanziare a favore della categoria 300 milioni di R$ che verrano destinati a  tassisti( 200 milioni) e mototassisti (100 milioni) , il Banco do Brasil sara' la prima banca a concedere dei finanziamenti specifici per chi vuol investire nei taxi, l'investimento si chiama FAT , ci sono dei parametri nei quali e' necessario rientrare per ottenere il denaro, come il possesso dell'abilitazione (condutax) , l'autoveicolo destinato ad uso taxi dovra' essere di fabbricazione nazionale, inoltre per avere questo finanziamento e' necesario aprire un conto correne al Banco do Brasil,per maggiori info entrate in questo sito.
Concludendo questo post , ricordo che gli investimenti  nel settore dei taxi partendo da zero, richiedono sforzi economici considerevoli , inoltre e ' fondamentale valutare bene la citta' e la zona da cui si vuol partire, credo che si debba puntare fin da subito su delle zone ben ricettive per poter amortizzare il capitale iniziale, in bocca al lupo , alla prossima.

Nessun commento:

Posta un commento

RADIOBRASILE e' presente sul portale di Veneto Imprese

RADIOBRASILE e' presente sul portale di Veneto Imprese
www.venetoimprese.it

RADIOBRASILE raccomanda CAPITALBRAZIL-Import-Export rappresentanza in Brasile

RADIOBRASILE raccomanda CAPITALBRAZIL-Import-Export rappresentanza in Brasile
Riservato aziende

INVIA GLI ARTICOLI IN QUALSIASI CASELLA EMAIL(anche la tua o dei tuoi amici)